Botti di Capodanno 2012 illegali: quali sono?

botti

Come ogni anno quando arriva la fine di Dicembre si moltiplicano i sequestri da parte della Guardia di Finanze per quel che riguarda i botti illegali. Del resto Capodanno si avvicina e nel nostro Paese è sempre stata un’abitudine sparare i fuochi d’artificio a fine anno per salutare quello vecchio e dare il ben venuto a quello che arriva.

Ma quali sono i botti illegali e come li riconosciamo? In effetti è molto semplice distinguere botti legali da quelli illegali, prima di tutto perché è molto difficile che questi ultimi siano venduti nei tabaccai o nei negozi specializzati. Altro modo per riconoscerli è sicuramente l’assenza delle norme di sicurezza e della direttiva europea che li rende fruibili al pubblico, infatti   I giochi pirotecnici autorizzati e in libera vendita devono riportare sulla confezione un’etichetta con il numero del decreto ministeriale che ne autorizza il commercio, il nome del prodotto, la ditta produttrice, la categoria d’appartenenza e le modalità d’uso.

C’è da dire poi che non esistono fuochi d’artificio sicuri, anche per quelli la cui vendita è permessa. Bisogna infatti ricordarsi di seguire alcune regole fondamentali: i fuochi di artificio vanno accesi all’aperto, lontano da case, automobili e dalla scatola degli altri fuochi per limitare il rischio di incendio e incidenti; fare attenzione alla direzione in cui si lanciano i fuochi: non ci siano delle persone, perciò non vanno lanciate verso zone buie né da balconi né da finestre; quando si trovano fuochi d’artificio che funzionano male e perciò non bruciano, non si deve mai cercare di riaccenderli ma bisogna allontanarsi dalla zona e segnalare la loro presenza alle forze di Polizia per la loro corretta inertizzazione, mediante l’intervento di personale specializzato.

La legge inoltre vieta la vendita e l’acquisto in forma ambulante di prodotti che vengono realizzati in modo clandestino e questo reato è punito sia dalla parte del venditore che dell’acquirente.