Prestiti per andare in vacanza in periodi di crisi

Vacanze

Come è ormai noto in Italia stiamo attraversando un periodo di crisi abbastanza intenso, ma l’italiano neanche in queste situazioni precarie vuole rinunciare alle sue vacanze e pur di raggiungere la sua meta desiderata richiede anche un prestito.

Ormai già da aprile si è avviata la pratica del prestito che è aumentata del 27%, di cui la richiesta media è sui 7 mila euro da pagare in 3 anni. Le persone che fanno richiesta di questo tipo di prestiti sono le più disparate e non sono solo uomini.

Molto probabilmente gli italiani fanno ricorso al prestito per andare in vacanza perché per loro un periodo di stacco e di svago è visto come un qualcosa di indispensabile per recuperare le energie necessarie in vista di un nuovo anno lavorativo.

In questa speciale classifica c’è da notare che coloro che chiedono i picchi più alti dei prestiti sono le regioni del sud,infatti ai primi posti ci sono i siciliani, seguiti da sardi e calabresi. Per quanto riguarda il nord ai primi posti abbiamo il Friuli-Venezia Giulia che fa registrare una richiesta di prestito media sugli 8 mila euro, mentre sotto la media nazionale troviamo Marche, Abruzzo e Umbria, tutte sotto i 5 mila euro.

Preso atto che in questi anni la pratica del prestito per andare in vacanza non è un’idea remota ma una pratica conosciuta, bisogna però dire che la cosa importante, se si vuole andare a tutti i costi in vacanze in un posto paradisiaco, è quella di chiedere un prestito nei posti giusti e non certo affidarsi ad uno strozzino magari rovinandosi la vita per sempre.