Vacanza studio alla Fiera Internazionale del libro di Mosca

DCF 1.0

Quale migliore occasione per recarsi in Russia se non quella della 24esima Fiera Internazionale del libro di Mosca? Nell’edizione di quest’anno poi l’Italia sarà l’ospite d’onore della manifestazione che è aperta fino al 12 settembre. La manifestazione è la più grande a livello nazionale del settore e ospita circa 50 Paesi con 500 eventi e 200 mila pubblicazione nuove.

La Russia ha contraccambiato lo stesso trattamento che l’Italia le aveva riservato in occasione del Salone del libro che si è svolta a Torino. Al padiglione italiano è stato il sottosegretario ai Beni culturali Riccardo Villari, in rappresentanza della presidenza del Consiglio dei ministri, promotrice dell’iniziativa insieme all’ambasciata italiana e all’istituto italiano di cultura a Mosca, il comitato Italia 150 e l’associazione italiana editori (Aie).

Il padiglione italiano è molto ricco, viste le sue dimensioni di circa 300 mq, infatti conterà su una libreria italo-russa di 5’000 titoli di cui 2’000 in italiano. Inoltre vi è un ricco ciclo di appuntamenti e presentazioni di testi. Il programma che si susseguirà è abbastanza articolato ma l’obiettivo appare chiaro: raccontare i 150 anni dell’Unità d’Italia, dall’evento inaugurale “Quale patria?” al focus sulle nuove generazioni di Giovine Italia, al mosaico del paese illustrato da “Le storie della Storia”.

Il 2011, inoltre, è stato proclamato dal Ministero dei Beni Culturali italiano e dal Ministero della Cultura russo “Anno della Cultura e della Lingua Russa in Italia e della Cultura e della Lingua Italiana in Russia”. Lo storico e sempre ottimo rapporto tra i due paesi è celebrato da una serie di eventi che prevedono mostre, rassegne, festival e concerti, quindi ideali per essere seguiti anche da noi italiani.

Quindi sembra proprio un’ottima occasione per visitare una splendida città come Mosca, in un periodo in cui non è ancora troppo freddo.